Isola d’Elba, perla di Venere.

La leggenda dell”isola d’Elba.

Un’antica leggenda narra che la dea Venere ricevette una collana di perle da Paride, ma uscendo dall’acqua la collana si ruppe e perse 7 perle in mare. Queste andarono a formare le 7 isole dell’arcipelago toscano, tra cui l’Isola d’Elba.

Questa Isola per me è stata una scoperta nel corso di un viaggio-regalo che mio marito ha voluto farmi per il nostro anniversario di matrimonio. Senza dirmi nulla aveva organizzato tutto lui, in effetti di solito penso io a questo, è il mio lavoro, ma devo dire che è stato bravissimo.

Consigli come raggiungere l’isola d’Elba e dove alloggiare.

Partenza dal porto di Piombino per arrivare a Porto di Cavo con il traghetto imbarcando la nostra auto per effettuare un on the road per tutta l’isola, che tanto mi piace.

Che dire dell’Hotel Plaza, scelta azzeccata con una vista panoramica sul mare da lasciare a bocca aperta. Questo albergo è ubicato sulla scogliera di Porto Azzurro dove accanto si trova una piccola spiaggia piccola ma assolutamente graziosa.Spiaggia Porto Azzurro - Cocco on the road.jpg

Spiagge dell’isola d’Elba.

Qui si trovano numerose spiagge da scoprire sia di sabbia che di sassi, in base alle proprie esigenze o preferenze. Se si possiede l’automobile sarà facile e veloce poterle visitare tutte anche se non si hanno abbastanza giorni a disposizione.

Le spiagge che più mi sono piaciute sono quella di Cavoli, Fetovaia, Sant’Andrea e La Sorgente. Acque cristalline e meravigliose per trascorrere delle piacevoli vacanze, adatte ovviamente sia a famiglie con bambini che ragazzi o persone alla ricerca di qualcosa di spettacolare.

Escursioni sull’isola d’Elba.

Ma la vera sorpresa è stata un’uscita in barca a vela, insieme ad una guida del posto e tutto il personale a nostro servizio. Effettivamente solo così siamo riusciti a girare per lungo e per largo, scoprendo luoghi segreti e poco battuti, il cui accesso è consentito solo via mare. Che dire del tramonto, accompagnato da un aperitivo assolutamente unico.

Ultima visita, da non dimenticare è stata quella alla Palazzina dei Mulini, nonché residenza ufficiale di Napoleone durante il suo esilio all’Elba. Ubicata a Portoferraio nella parte alta e raggiungibile a piedi. Due piani da visitare e molte stanze da vedere che conservano oggetti e mobilia dell’imperatore francese.  Dal piano superiore è stupendo il panorama che si snoda sul mare.

Abbinato a questo tour c’è Villa San Martino, trattasi della residenza estiva del Bonaparte. Sei stanze arredate secondo il gusto del generale francese, tutto originale dell’epoca dove poter ripercorrere un pezzo della storia di questo leggendario e discusso personaggio storico. Unica nota dolente è, a mio avviso, il parcheggio 3,50 €, costa quasi di più del biglietto per l’ingresso alla Villa.

Orari: feriali: 8.30-18.00, festivi: 8.30-13.00.

Costi del biglietto:  5 € intero – 2,50 € ridotto. Ingresso gratuito per i visitatori di età inferiore a 18 anni.

Ragazzi dai 18 ai 25 anni e docenti di scuole statali: 2,50 €.

Biglietto cumulativo: 8 € intero – giovani dai 18 anni ai 25 e docenti di scuole statali 4 € (consente la visita sia alla sede della Palazzina dei Mulini, sia a quella di Villa San Martino ed ha validità di 3 giorni).

Prima domenica di ogni mese ingresso gratuito.

Che dite é stata una bella sorpresa?


 


2 thoughts on “Isola d’Elba, perla di Venere.

    1. Il marito ha ragione, l’Isola d’Elba è magica e a mio avviso anche molto romantica. Spero tu riesca ad andarci perché vale tutta 😉

Lascia il tuo commento