Shenzhen è… on line.

Dopo il primo Reportage su usi e costumi dei cinesi a Shenzhen (vedi articolo), oggi il nostro inviato molto speciale, che vive e lavora in Cina per diversi mesi dell’anno, ci spiega come i cinesi si rapportano con lo shopping.

IMG_6706.JPG
Shenzhen on the road

Premesso che alla maggior parte dei cinesi non piace il Made in China e prediligono il Made in Italy, cosa che purtroppo non accade ormai da anni in Italia, dove ovunque ti giri e ti volti vedi prodotti che arrivano dalla Cina, dall’abbigliamento, all’arredamento e in alcuni casi anche alimentari. Basti pensare ad alcuni Brand famosi, che per abbassare i costi di produzione hanno spostato filiali in Cina chiudendo e mettendo in crisi i settori artigianali in Italia.

Torniamo allo shopping cinese. Ovunque, nei mall o per strada è possibile vedere negozi da nomi italiani, a volte sconosciuti, ma anche francesi, giusto per identificare il prodotto che vendono. Ai cinesi non piace molto andare a caccia dell’acquisto, preferiscono comprare tutto on line e quando diciamo tutto, intendiamo proprio tutto.

IMG_6689

Un’altra cosa che ci ha lasciato stupiti è quella di pagare tutto con l’applicazione di WeChat, si avete capito bene, pagano con lo Smart Phone, quindi niente portafogli, borse o zaini. Dal 2014 WeChat, l’app di messaggistica mobile cinese,  ha aggiunto la possibilità di trasferire del denaro con i propri contatti, pagare la spesa al supermercato, il biglietto della metropolitana, acquisti presso negozi, taxi, e-commerce, ecc.

logo wechat

Quindi non possono esserci amici cinesi che quando arriva il conto al ristorante ti dicono “ho dimenticato il portafoglio a casa”, perché in Cina difficilmente si dimentica il cellulare a casa. Da qui anche noi usiamo WeChat (ci trovate come Cocco on the road) scarichiamo divertentissimi video e foto cinesi, scambiamo file e messaggi con i nostri contatti ma in merito ai pagamenti no, da noi purtroppo non funziona così.

IMG_6700
Sea World Mall

Vi abbiamo già precedentemente parlato dell’efficienza dei trasporti, unita a questo utile metodo di pagamento, troviamo che i cinesi (ottimi copiatori e conosciuti maggiormente in Europa ahimè solo per quello) sono sotto quest’aspetto molto ma molto più avanti di noi. Sarà comunque che devono far fronte a soddisfare e gestire oltre 1,375 miliardi di persone. Sai quanto tempo perderebbero ad usare bancomat con codici, la signora anziana che conta le monetine alla cassa o le mamme che hanno bambini in braccio e una sola mano libera?

Advertisements

Commenta