Mare e luoghi italiani da Bandiera Blu.

flag UK

Il Touring Club Italiano, associazione no profit, nata nel 1894 dapprincipio come associazione di ciclisti e in seguito come sviluppo e sostentamento al turismo di tutta la penisola, ogni anno pubblica la Guida Blu per far conoscere quali sono le zone che rispecchiano determinati criteri per rientrare nella lista dei premiati.

Per regola prendono in considerazione anche la qualità dell’ambiente. Gli studi e le analisi vengono effettuati dall’Istituto di ricerca Ambiente Italia che si affida al controllo ed esame delle acque di Goletta Verde e dai censimenti e accertamenti di Legambiente tramite una banca dati, utilizzati per determinare: la pulizia del mare, le zone meno sfruttate e poco conosciute, la qualità dei servizi, l’uso di politiche di sostenibilità e l’utilizzo di energie rinnovabili.

Le zone selezionate per rientrare in questa lista sono anche quelle meno conosciute, incontaminate, poco affollate e collocate in paesi, borghi o città dove avvengono feste tradizionali, ove cucina, ospitalità e prezzi sono ancora in cima alle priorità da donare ai turisti, perché rimanga impressa una vacanza indimenticabile grazie perlopiù allo stile italiano che ancora riesce ad attirare una gran nicchia di stranieri.

Vediamo quindi la lista:

  • Domus de Maria situata all’estremo sud della Sardegna, con le sue fantastiche e bianchissime spiagge nella frazione di Chia, dove la tutela e l’attenzione alla conservazione del paesaggio e dei beni archeologici è intrapresa con costanza. Da non perdere nel periodo estivo le varie sagre, tra cui quelle dedicate al mercato ittico.Domus de Maria1

 

  • Pollica in provincia di Salerno è l’oasi del relax e del gusto genuino della cucina tradizionale mediterranea.Pollonica1

 

  • Castiglione della Pescaia in provincia di Grosseto, Toscana, luogo d’eccellenza come meta turistica nella Maremma, premiata più volte negli anni con le 5 vele per una qualità dell’ambiente da denominarla “la piccola Svizzera”. 

    Castiglione della Pescaia1.jpg

     

  • Roccella Jonica  situata in provincia di Reggio Calabria si affaccia con tutta la sua bellezza sulla Costa dei Gelsomini e si aggiudica il riconoscimento delle Vele per le sue spettacolari spiagge.Roccella Jonica1.JPG

 

  • Posada in provincia di Nuoro situata in cima ad una rupe con i suoi borghi dal sapore medievale, le pinete e il magnifico panorama sul mare, conserva il sapore ed il fascino antico.Posada

 

  • Baunei in provincia di Nuoro, affascina con le sue spiagge ma nasce principalmente come meta turistica completa, perché con le sue montagne, una volta popolate da pastori, offre gite, trekking, escursione e molto altro immersi nel paesaggio naturalistico.Baunei.jpg

 

  • Castro in provincia di Lecce, non ha lunghe distese di spiagge di sabbia ma bensì scogli, che per chi ama il mare verde e i fondali marini da ammirare anche con immersioni, sicuramente questo è il luogo ideale dove passare delle meravigliose vacanze. Castro

 

  • Santa Marina Salina in provincia di Messina, è ubicata su un’isola che fa parte dell’arcipelago delle Eolie. Qui le spiagge non sono molte ma la bellezza e il poco affollamento fanno ancora una volta di questo posto uno dei premiati secondo la classifica di Legambiente.Santa_Marina_Salina

 

 

  • Santa Teresa di Gallura situata  nell’estremità a nord della Sardegna e si affaccia sull’insenatura naturale del Porto Longonsardo dove si trova anche la Torre eretta nel XVI secolo. santa teresa di Gallura1.jpg.jpeg

 

  • Otranto, in provincia di Lecce, dove nelle giornate più limpide è possibile intravedere dalla costa le montagne dell’Albania. La “Porta d’Oriente” così come viene denominata per la sua dislocazione più ad oriente di ogni centro abitato in tutta l’Italia.otranto.jpg

 

  • San Vito Lo Capo in provincia di Trapani, è una di quelle località poco conosciute dal turismo di massa, che conserva ancora luoghi da scoprire da esplorare in pieno relax.San-Vito-Lo-Capo

 

  • Vernazza in provincia del La Spezia,  è il secondo dei paesi che costituiscono le Cinque Terre. Il territorio  anch’esso caratterizzato dai tipici terrazzamenti per la coltivazione della vite.vernazza

 

  • Polignano a Mare in provincia di Bari, affascina con le sue magnifiche grotte marine, il centro storico e i resti romani. Il mare è uno spettacolo, “condito” con la tradizionale cucina pugliese. polignano a mare.jpg

 

  • Maratea  in provincia di Potenza che si affaccia sul Mar Tirreno con i suoi pittoreschi paesaggi costieri, le sue montagna e la storia viene denominata la Perla del Tirreno.maratea.jpg

 

  • Capalbio in provincia di Grosseto, soprannominata la Piccola Atene, per il suo importante contesto storico rinascimentale. Gestione e accuratezza nell’organizzazione e protezione sia delle spiagge che dell’ambiente.Capalbio.jpg

 

  • Bosa in provincia di Oristano, con le sue case tradizionali e colorate, le sue spiagge attrezzate o meno, dove i colori delle acque cristalline si mescolano alla sabbia soffice e bianca. bosa1

 

  • Melendugno in provincia di Lecce, dove le sue spiagge di Roca, San Foca centro e nord, Torre Specchia, Torre Sant’Andrea e Torre dell’Orso, hanno ricevuto il riconoscimento della Bandiera Blu, per la pulizia delle acque e per l’ordine e l’organizzazione delle spiagge stesse.Malendugno

 

Dopo aver visto queste meraviglie, capisco perché l’Italia viene molto apprezzata all’estero per i suoi paesaggi, per i borghi, i paesini caratteristici, la buona cucina e l’ospitalità. Facciamo in modo che tale resti, con il buon senso e la conservazione e tutela del nostro territorio.

 

 

 

 

 

 

 


2 thoughts on “Mare e luoghi italiani da Bandiera Blu.

  1. Tra tutte le spiagge che hai elencato conosco solo quelle della Puglia, e ti garantisco che sono spettacolari come dicono… meritano davvero un riconoscimento!

    1. Hai ragione la Puglia è uno spettacolo sia come spiagge, come paesini, storia, colori, profumi e tanto buon cibo. Forse sono un pochino di parte visto che le mie origini sono proprio pugliesi. >3

Commenta