Manuale per Londra: consigli per il viaggio low cost. (Part.1)

Nell’articolo precedente vi ho dato alcuni consigli per visitare Londra con i bambini, soprattutto nel caso specifico di genitori single o senza compagno di viaggio. Questa volta invece voglio regalarvi alcune dritte per vivere al meglio questa magnifica capitale.

Londra.jpeg

Dapprima voglio consigliare il mezzo di trasporto ideale e che costa meno per raggiungere la città dall’aeroporto di Stansted. Io questa volta ho preso il pullman della National Express perché avevo letto alcune recensioni che parlavano di mezzi efficienti e confortevoli, ma anche perché avevo bisogno di arrivare a Victoria Station dove appunto è uno dei capolinea. In alternativa ci sono i bus di Terravision che effettuano diverse fermate oppure, se non avete limiti di budget, il più comodo in assoluto è il treno della Stansted Express il quale impiega meno tempo ad arrivare nella City ma ovviamente costa molto di più. I bus impiegano all’incirca 1 ora e mezza/2 ore, dipende ovviamente dal traffico.

IMG_6086.JPG

La scelta dell’Hotel è fondamentale. Personalmente prima di trovarne uno cerco di studiare bene l’itinerario che vorrò effettuare per poi capire quale sia la zona migliore per soggiornare. Avendo con me le mie bambine, ho scelto una sistemazione vicina a Victoria Station dove si trova la metro, la stazione dei treni ed i capolinea dei bus. Insomma un’aerea strategica, a 10 minuti a piedi raggiungerete Buckingham Palace, quindi zona centrale e ben servita. All’interno della stazione dei treni, oltre a diversi negozi c’è un piccolo mall dove al piano superiore sono dislocati diversi fast food.

Per scegliere l’Hotel mi affido ai vari motori di ricerca viaggi come Booking, Trivago o Expedia. Seleziono la scelta della zona da me preferita ed il prezzo che ho intenzione di spendere. Per Londra ho sempre valutato hotel di 3 stelle perché so già che lo standard è ben diverso dal nostro e la pulizia per me è una cosa fondamentale. Non ho mai preso in considerazione appartamenti perché essendo in vacanza mi piace svegliarmi con una colazione pronta ed al mio ritorno in stanza trovare tutto pulito ed ordinato. Ma se volete spendere meno potete prendere in considerazione le offerte di Airbnb oppure hotel meno centrali. Le precedenti volte che ho soggiornato a Londra ho scelto il Premier Inn e l’Holiday Inn, ma stavolta ho voluto provare l’Airways Hotel.

Questo Hotel si trova in un quartiere a due passi da Victoria Station, in una location di case bianche in stile londinese e dove in una di esse ha anche vissuto per qualche anno Sir Winston Churchill.

La camera era piccola ma veramente graziosa, con un bagno completamente nuovo e dotato di una grande doccia. La pulizia eccezionale ed il personale gentile e disposto ad aiutare a portare le valigie in stanza, in effetti manca l’ascensore, ma per me questo non è un problema. Kit di cortesia, asciugamani sempre puliti, bollitore con tea e caffè a disposizione, TV, cassaforte, aria condizionata e Free WI-FI. Quest’ultimo la sera era un po’ lento ma a queste piccolezze sorvoliamo. La mattina viene servita la colazione continentale, quindi macchinetta di bevande calde, succhi di frutta, croissant, marmellata e burro, nutella, pane tostato, frutta, yogurt, prosciutto e formaggio.

La prima visita appena arrivata l’ho riservata alla residenza reale, Buckingham Palace. Le precedenti occasioni l’avevo vista di giorno mentre questa volta la curiosità era di ammirarla di sera. Illuminata regala un effetto diverso ed assolutamente magnifico. Senza la massa di turisti che di solito affollano le cancellate, sono riuscita ad immortalare l’edificio in assoluta tranquillità ed anche le bambine hanno apprezzato sapendo poi che al suo interno risieda la famiglia reale, le domande sono arrivate a raffica.

Oltre al Victoria Memorial, anch’esso illuminato, tutto intorno è avvolto dal buio della notte, per donare quel velo di mistero che si nasconde dietro il cancello che gira intorno al palazzo e lo protegge insieme alle sue alte mura.

Nel tornare indietro in direzione Victoria street, prendendo Buckingham road, abbiamo trovato un piccolo ristorante orientale, di quelli un po’ spartani fuori ma dentro grazioso e pulito. Si chiama Noodle Noodle e non potevamo che mangiare per l’appunto noodle. Per me con pollo e verdure e le bambine hanno diviso una porzione di quelli ai gamberi e verdure, anche perché le portate erano veramente abbondanti. Le due ragazze sono state molto gentili ed il servizio veloce. Prezzi molto buoni e qualità nella media, calcolando che sia io che le mie bambine non abbiamo avuto alcun problema dopo, potete fidarvi ciecamente del nostro giudizio.

Un’altra tappa che tutte le volte non mi voglio perdere è la passeggiata ad Oxford Street. Tra i negozi addobbati per le feste, i suonatori in tenuta scozzese che regalano pezzi tradizionali accompagnati da cornamusa, babbi natale in vetrina vestiti in maniera bizzarra e la gente che affolla la via, l’atmosfera è davvero fantastica. Per molti può sembrare una semplice camminata per negozi, ma Oxford Street va ammirata, assaporata e contemplata dal basso verso l’alto, perché ogni edificio, palazzo o mall ha la sua caratteristica che li contraddistingue.

Queste sono alcune delle cose che potete vedere a Londra, tutto senza spendere nulla se non per i mezzi pubblici e nel prossimo articolo vi racconterò cosa altro si può vedere in questa magnifica città senza tirar fuori un solo pound.

 

 

 

 

 

Advertisements

One thought on “Manuale per Londra: consigli per il viaggio low cost. (Part.1)

Commenta