Macao, la città dei sogni.

Questo week end il nostro inviato che lavora e vive in Cina (Cocco’s Dad) ha visitato per noi uno dei posti molto conosciuti dal turismo mondiale e dagli stessi cinesi: la penisola di Macao.

img_0552

Si trova sulla costa meridionale della Cina, ad est di Hong Kong, ed insieme a quest’ultima, fa parte della regione amministrativa speciale cinese. Ex colonia portoghese (Macau), dove si stabilirono intorno al 16 secolo fino al 1999 ottenendo il primato di ultima colonia europea in Asia. Otre alla penisola ci sono due isole che ne fanno parte Taipa e Coloane collegate alla terra ferma da tre lunghissimi e spettacolari ponti.

L’economia di questa città si basa principalmente sul turismo e gioco d’azzardo e come Las Vegas vanta numerosi Hotel con Casinò. Fino a qualche anno fa si trattava di una città di pescatori ed oggi ha superato Las Vegas come leader mondiale del gioco di azzardo. Ma Macao non è solo questo, perché qui c’è un ricco patrimonio culturale dovuto dalla fusione dello stile cinese con il portoghese. Palazzi, monumenti, strade, architettura e molte altre bellezze tutte da scoprire.

Da Hong Kong si può raggiungere Macao con il traghetto, circa 1 ora e 10 muniti pagando 238 HK $ (29 €). Arrivati al porto è possibile usufruire di una delle navette dell’Hotel, che si ha prenotato per soggiornare, per raggiungere la città o l’Hotel stesso.

Durante il tragitto verso il centro si capisce da subito che si è in un luogo differente dalla Cina, molto simile ad Hong Kong, dove appunto l’oriente si fonde con l’occidente, ma a differenza della metropoli c’è più verde e meno caos. Il centro storico di Macao è stato nominato patrimonio dell’umanità dell’UNESCO nel 2005 per le ricchezze artistiche lasciate dai portoghesi.

Nella old city, cioè quella parte della città ricca di storia, avrete la possibilità di ammirare il patrimonio culturale come le rovine della Cattedrale di San Paolo, Piazza del Senato, chiese, templi buddisti e la muraglia.

IMG_0591.JPG
Facciata della cattedrale di San Paolo

Nonostante sia dicembre inoltrato, la temperatura è molto piacevole, circa 25 gradi ed anche l’umidità è abbastanza bassa. D’estate invece le temperature sono elevate così come il tasso di umidità.

Il Resort che è stato scelto, tra i tanti presenti a Macao, è il Grand Coloane Resort. Immerso nel verde, ubicato sull’isola di Coloane circondata dal Mar Cinese Meridionale, con 208 tra camere e suite dove potrete godere di un panorama meraviglioso. Tranquillo, pulito e con ogni tipo di confort che si possa desiderare. I prezzi per soggiornare non sono troppo alti se si pensa allo standard elevato e al lusso che viene offerto. Inoltre potete trovare il centro benessere, le piscine interne ed esterne, Mini club ed anche il Golf & Country Club. Dimenticavo: c’è anche una zona pet friendly per pranzare o cenare con i vostri amici a quattro zampe.

Ma lasciamo che il mio Cocco’s Dad si goda tutto questo e facciamoci trasportare da ciò che più ci piace, scoprire. La modernità degli hotel, casinò e negozi che si contrappongono con lo stile portoghese dei palazzi e monumenti fa si che la città soddisfi tutti i gusti.

Le strade sono piene di gente ed i negozi assolutamente caratteristici, dove vengono esposte merci di ogni tipo. Dai prodotti tradizionali della cultura cinese a quelli europei come cioccolata e dolci. Perdersi in tutto ciò è assolutamente facile ed al calar della sera si viene catturati dallo spettacolo di luci che provengono da ogni dove, sia dalle insegne che dagli sfavillanti Hotel.

La cucina è diversa dalla solita che si trova in Cina, qui è facile trovare ristoranti e locali tipici che servano cibo più internazionale che si avvicina allo stile e alla tradizione del Portogallo. Assolutamente buona ed a prezzi veramente appetitosi, anche una bottiglia di vino portoghese pagata a buon mercato in uno dei tanti ristoranti scelti per la strada.

img_0619

Non abbiamo più dubbi sulla sua bellezza, se pur artefatta, come sentirsi nel paese dei Balocchi, dove vieni attratto dalle luci e dai colori che richiamano l’attenzione della gente. Dopo cena, il mio inviato molto speciale, decide di andare in uno dei casinò, ce ne sono tanti, ma ci consigliano di visitare il The Venetian Hotel.

Da fuori megagalattico ma appena entri capisci ancora di più lo sfarzo e l’accuratezza che hanno avuto per ricreare una piccola ma grande Venezia. Maestoso tanto da vantare il primato del più grande albergo del paese, con affreschi meravigliosi sui soffitti decorati con colonne e sculture che con l’arredamento, i tendaggi e persino la pavimentazione richiama l’inequivocabile stile veneziano. All’esterno Piazza San Marco, calli, campielli e negozi tipici della città italiana e, per non farsi mancare proprio nulla, anche un bel giro in gondola in Canal Grande.

Ritorniamo ai casinò che consigliamo di visitare anche senza farvi prendere dalla mania del gioco. All’interno si può entrare anche solo per visitare i vari tavoli da gioco, vestiti in maniera adeguata, no flip flop e pantaloncini. Gli hotel/casinò ad una certa ora si animano di ragazze molto belle ed appariscenti che pare tengano compagnia ai giocatori e non, ma su questo aspetto, vi ho avvisato, sorvoliamo.

Che bello uscire e vedere una Tour Eiffel tutta illuminata, ma non siamo a Parigi e si sa che ai cinesi piace proprio copiare tutto. Non saranno le bellezze originali ma comunque bizzarro e con l’effetto sorpresa per qualsiasi cosa sia stata riprodotta.

Quindi, per ricapitolare il tutto, qui a Macao non ci sarà mai modo di annoiarsi, sia che siate amanti dello storico che del moderno, sia che veniate per giocare nei casinò sia solo come spettatori. Ultimo consiglio è quello di visitare la Macau Tower che con i suoi 338 metri di altezza ospita al suo interno ristoranti, teatro, negozi, punto di osservazione per veduta panoramica ed una passeggiata da brivido sopra un pavimento di vetro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Advertisements

6 thoughts on “Macao, la città dei sogni.

  1. Una Las Vegas cinese!!! Hanno copiato anche il venetian e la tour eiffel in miniatura!!! Peró non la conoscevo… mi ha fatto piacere leggere questo articolo!!

Commenta