Lanterne cinesi ed i sogni volano lontani…

Da qualche anno spopolano in feste, matrimoni, ritrovi ed eventi, le lanterne cinesi o lanterne volanti, che colorate e piene di romanticismo sprigionano quel tocco chic che lascia adulti e bambini a testa in su e bocca aperta.

Per chi ha avuto il piacere di assistere a questo tipo di visione, non può che dire che il cielo si trasforma in tanti luci che tutte insieme volano fino a scomparire. C’è chi affida i propri sogni o desideri a queste piccole mongolfiere, sperando che arrivando fin lassù abbiano il potere di sprigionare un pizzico di magia che serve perché la richiesta venga avverata.

Tutto nasce nella lontana Cina del III secolo, quando il condottiero e stratega militare Zhuge Liang inventò questo pallone infuocato (Kongming 孔|明|灯) come segnale a distanza, per comunicare con i combattenti, ma si mormora nella pagine della storia, che sia stato anche utilizzato come spia bellica.

Lanterne volanti1

Oggi giorno il loro funzionamento è molto simile al sistema usato per le mongolfiere, dove all’interno aria calda spinge il sistema verso l’alto e, dondolando come se danzasse, può raggiungere all’incirca 1000 metri di altezza. Tanti luci che popolano il cielo.

A tal proposito vi segnaliamo l’evento che si terrà il 28 Maggio a Castello a Mare (Palermo). L’invito che ci è pervenuto tramite la nostra pagina Facebook, ci ha incuriosito molto tanto da documentarci e scoprire come appunto venivano realizzati i materiali di queste lanterne che non hanno un filo di ferro, il telaio è in bambù, sono biodegradabili e realizzate con carta ignifuga.

Il SKYLIGHT – FESTIVAL DELLE LANTERNE mette a disposizione le lanterne prenotandole sul loro sito e non sono assolutamente permesse lanterne di altro tipo se non quelle fornite dall’organizzazione per garantire sicurezza ai partecipanti e all’ambiente.

Se siete in zona, oppure decidete di fare un salto a Palermo e dintorni, ricordatevi di questo evento.

Lanterne volanti2

Nel frattempo dedichiamo questo articolo a tutti quelli che volando hanno perso i loro sogni… (alle vittime dell’Egyptair).

 

Advertisements

Commenta