Assicurazione viaggio: perché?

Tanti di voi, ogni volta che prenotano un viaggio aereo od una vacanza, si trovano spesso davanti alla scelta di fare o meno l’assicurazione. Che sia per un’eventuale perdita dei bagagli, di un’assistenza medica o ricovero ospedaliero, in ogni caso è bene sapere e conoscere i pro e i contro.

Innanzitutto se si pensa di viaggiare in Europa, basta portare con se la tessera sanitaria nazionale per usufruire di assistenza medica e pronto soccorso. Ma se invece si decide per un viaggio in un altro continente, come ad esempio America o Oceania, è bene valutare un piano assicurativo che copra le spese sanitarie in caso di necessità. Leggere bene la polizza è fondamentale, perché ognuno di noi avrà bisogno di un’assistenza piuttosto che un’altra e per gli amanti degli sport estremi, sappiate che tante compagnie non coprono incidenti che accadono durante un salto con il bungee jumping od un’arrampicata a mani nude su una montagna ma anche un semplice inconveniente che può accedere praticando il parasailing (paracadute trainato da motoscafo). Informarsi bene è buona norma ed anche le coperture sono importanti soprattutto se pensate di visitare gli Stati Uniti, dove le spese delle cure mediche sono elevate.

assicurazione-viaggio

Non solo cure mediche, ma si possono effettuare polizze per un eventuale cancellazione del viaggio, qualora si abbia qualche impedimento o imprevisto che non possa permettervi di partire.

Qualora sia possibile leggete recensioni e feedback in merito alla compagnia assicuratrice, attenzione, un  elevato costo della polizza non significa che la stessa sia meglio di un’altra che costa meno. Come detto sopra, l’importante è che copra ciò di cui avete bisogno. Ricordate, prima di partire, portate con voi la copia del contratto stipulato con eventuali contatti o numeri di telefono in caso di emergenza o assistenza immediata.

Viaggiare sicuri significa viaggiare sereni.

Advertisements

Commenta